Anche quest’anno torna il Collisioni Festival a Barolo in provincia di Cuneo. Molti gli appuntamenti tra musica, spettacolo e cultura.

Migliaia di persone provenienti da tutta Italia e dall’estero si danno appuntamento nelle Langhe per il weekend di metà luglio; gli affezionati ormai lo sanno che non c’è stanchezza, impegno lavorativo o vacanza che tenga, sono semplicemente pronti, dopo un anno di attesa, a partire: Barolo spalanca le braccia al popolo di Collisioni.

Festival Agrirock è una definizione certamente azzeccata, ma non esaustiva. E’ vero, c’è molto “agri” nel panorama che ti accoglie, fatto di splendide colline e vigneti che buona parte del mondo ci invidia, nei prodotti gastronomici tipici e nel famigerato vino (a proposito, al Barolo hanno dedicato un museo interattivo visitabile durante l’evento) e sicuramente c’è molto rock, basti pensare ai grandi nomi che si sono susseguiti negli anni sui palchi del festival: Patti Smith, Neil Young, Deep Purple, Bob Dylan solo per citarne alcuni.

Ma Collisioni è di più.

Sono più di 400 volontari che lavorano giorno e notte per garantire la sicurezza, il rispetto del programma e dei tempi previsti (spaccati al minuto da tutti gli artisti), l’organizzazione generale (dai parcheggi predisposti alle navette che portano i visitatori direttamente in paese).

Sono note appartenenti ai generi musicali più disparati gettate nell’aria, così ti potrà capitare di ascoltare un noto cantautore nell’attesa di una cantante folk mentre ha appena terminato una rock band.  Solo quest’anno: Placebo, Gazzè, Silvestri, Consoli, Mannarino, Robbie Williams, Levante, Elisa, Moro, Vecchioni e molti altri.

Sono i profumi della terra, del vino, della carne toscana, degli arrosticini abruzzesi, delle birre, delle olive ascolane, della salsiccia affogata, delle macedonie e delle decine di altri banchetti che propongono menù per tutte le tasche e per i palati più diversi.

Sono le parole degli scrittori (Cazzullo, Handke, Xingjian, Saviano, Coe), la loro disponibilità nel rispondere alle domande degli uditori, il loro punto di vista ascoltato con attenzione.

Sono le immagini evocative dei registi (Virzì), le battute dei comici (Ale&Franz, Littizzetto, Giusti), le riflessioni sugli argomenti più disparati di grandi nomi del giornalismo (Travaglio, Angela), gli interventi e le interviste a personaggi della televisione, del cinema, dell’arte e della politica (Argentero, Grasso, Sgarbi).

Più di ogni altra cosa, però, Collisioni è un perfetto mix di territorialità e internazionalità, è un fiume di gente pronto a divertirsi, a stare in compagnia.

E’ un luogo, è un evento, è un weekend magico aperto a tutti e per tutti, dal quale ciascuno di noi può prendere solo ciò che preferisce e nel quale ciascuno di noi può lasciare qualcosa: una risata, un nuovo amico, un applauso e la voglia di tornare.

A proposito dell'autore

Post correlati